Come allestire l’ufficio in camera da letto

A causa della Pandemia da Covid-19, molte persone sono state costrette a lavorare in casa riadattando ogni spazio della propria abitazione. Ne è un esempio la camera da letto. Affinché il lavoro sia produttivo è fondamentale organizzarla in modo idoneo. Vediamo insieme come!

Consigli utili su come allestire un ufficio in camera da letto

 

Stai lavorando ancora in smart working ed hai deciso di allestire un ufficio in camera da letto? Segui i nostri consigli.

Disponi la scrivania rivolta verso l’esterno

 

Rivolgere la scrivania verso una parete o una finestra è una mossa intelligente. Con il letto alle spalle sarai meno distratto dall’idea di sdraiarti sul letto e magari anche dormire!

Trova uno spazio per archiviare i documenti

 

Se hai una camera grande ed ampia allora la soluzione ideale è un tavolo a cavalletto anche se quest’ultimo non ti offre lo spazio idoneo per archiviare i documenti. In questo caso la soluzione migliore è una scrivania completa di cassetti e cassettiere così potrai archiviare tutti i tuoi documenti cartacei.

Usa la sedia giusta

 

La sedia su cui ti siedi mentre lavori fa una grande differenza per la tua salute ed il tuo comfort. Se non passi troppe ore seduto alla scrivania, puoi sceglierla ponendo maggiore attenzione alla sua estetica.

 

Se hai bisogno invece di una sedia che ti sostenga e che si dimostri comoda anche dopo lunghe ore di lavoro, è preferibile una sedia ben progettata ed ergonomica, caratterizzata da un giusto sostegno per la schiena e soprattutto che sia regolabile. In questo modo potrai mettere la seduta alla giusta altezza rispetto alla scrivania ed al computer.

Separa l’area lavoro dall’area notte

 

È importante mantenere una netta separazione tra l’area di lavoro e quella del riposo. Lasciare uno spazio fisico tra il letto e la scrivania non è troppo difficile.

Ci sono soluzioni che puoi adottare per creare una distinzione tra area lavoro ed area notte. Ad esempio, una tenda o un separè per interni sono un sistema efficace per separare le aree di lavoro da quelle del riposo.

 

Chiudere la tenda quando hai finito di lavorare è un modo esplicito per indicare la fine della giornata di lavoro. Puoi installare una tenda fissando due lunghi pali di rame sia al pavimento sia al soffitto, uniti a circa 2 metri di altezza da un filo da tenda sul quale verranno collocate le stesse.

Ricorri ai mobili multiuso

 

Se disponi di uno spazio davvero limitato, sarai tentato nell’usare la scrivania come comodino. Questo può essere rischioso perché non riusciresti a creare quella separazione netta fra lavoro e riposo di cui abbiamo appena parlato.

 

Piccoli gesti possono aiutarti in questo, ovvero chiudere il portatile o spegnere il computer quando hai finito, oppure rimuovere tutte le carte e gli oggetti legati al lavoro finché non usi di nuovo la scrivania come spazio di lavoro.

 

L’idea migliore è quella di nascondere la zona lavoro in un armadio multiuso. Mettere la scrivania ed il computer in un armadio che può essere chiuso quando hai finito è un’idea favolosa. Non solo puoi chiudere la porta quando hai finito di lavorare, ma significa anche che l’ufficio non avrà un impatto visivo sul resto della camera da letto.

Rendi omogeneo l’arredamento delle due aree

 

Anche se l’obiettivo rimane quello di separare le due aree e organizzare gli spazi per lo smart working, l’area di lavoro avrà comunque un impatto sull’atmosfera e sull’estetica della camera da letto. Scegliendo una scrivania ed una sedia che non contrastino troppo con il resto degli arredi della stanza, potrai creare coesione ed omogeneità.

Utilizza un letto a scomparsa

 

I letti a scomparsa sono adatti nei piccoli spazi ma soprattutto in una camera da letto che deve funzionare anche da ufficio. Una volta che il letto è nascosto nel muro avrai l’impressione di trovarti in un ambiente interamente dedicato al lavoro e non in uno spazio combinato.

 

Far scomparire il letto ti aiuterà anche ad evitare di usare il computer portatile sullo stesso.

Fai in modo di avere abbastanza spazio

 

La quantità di pile di documenti, di cancelleria e di altre cose legate al lavoro e di cui però hai bisogno dipende ovviamente dal tipo di lavoro che fai. Se vuoi essere minimalista puoi scannerizzare tutti i documenti importanti sul computer e sbarazzarti degli originali.

 

Se le scartoffie invece sono inevitabili, devi necessariamente sistemare in un angolo delle mensole ed un piccolo scaffale così potrai mantenere tutto organizzato ed a portata di mano..

Scegli un’illuminazione adeguata

 

Non c’è niente di più demoralizzante che cercare di lavorare in uno spazio buio o con un’illuminazione fluorescente. La giusta illuminazione è importante per gli occhi, ma anche per la produttività ed il morale.

 

Se c’è una finestra nella tua camera da letto, posiziona la scrivania vicino alla stessa sfruttando al meglio la luce naturale.

 

Se non c’è una finestra invece puoi optare per una luce a soffitto abbondante ma calda, lampade da tavolo o entrambi.

Pensa a chi utilizza quello spazio

 

Sarai solo tu ad usare l’area di lavoro? Se è così, allestisci l’ufficio in camera da letto solo in base alle tue preferenze ed alle tue esigenze.

 

Se invece condividerai lo spazio di lavoro con altre persone dovrai attenerti anche alle loro esigenze e magari dividendo le aree di lavoro di entrambi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi