Scegliere la carta da parati: i nostri consigli per non sbagliare

Scegliere la carta da parati: i nostri consigli per non sbagliare

‘’Mi piace quella carta da parati, la voglio su quella parete a casa’’! Prima di passare da un’esclamazione all’acquisto vero e proprio si dovrebbe tener conto di certi brevi vademecum che possono sciogliere i dubbi più ricorrenti.

La carta da parati ,dopo parecchi anni di riduzione nell’acquisto, sembra essere diventata un elemento decorativo fondamentale grazie anche allo slancio creativo dimostrato dalle aziende del settore. Ad esempio la Jannelli & Volpi, azienda leader nel settore delle carte da parati, in questi anni ha dimostrato una grande innovazione e una ricerca sia nella grafica che nei materiali. L’inesauribile gamma di alternative consentono al cliente di soddisfare ogni esigenza e di immergersi in un’attività di ricerca divertente e artistica.

Quali sono i segreti per non sbagliare? Sicuramente scegliere con attenzione e tenere a mente i nostri seguenti suggerimenti ‘’anti errore’’ riferiti anche a casi concreti di applicazione.

 

Carta da parati in bagno

Pensando alla carta da parati si è spesso portati ad escludere ogni tipo di impiego nella zona bagno. Tuttavia ci capita spesso di consigliarla ai nostri clienti, tenendo conto delle innovazioni introdotte  sia in riferimento alla tenuta sia di persistenza all’umidità. Jannelli & Volpi o Adriani & Rossi mettono a disposizione un supporto di fibra di vetro resistente all’acqua. Noi consigliamo sempre di richiedere un rendere realistica della parte sulla quale si vuole applicare la carta tenendo conto anche dei sanitari

 

Le carte da parati sono creative?

Spesso le carte da parati sono considerate una finitura da abitazioni lussuose o da abitazioni più classiche, in realtà queste trovano un ottimo connubio anche nelle piccole case o negli appartamenti moderni fornendo un valido aiuto e consentendo progetti di alta creatività.

Meglio tutte le pareti o una sola?

Se si è al debutto con la carta da parati, il nostro consiglio è di iniziare con un’unica parete, privilegiando quella che resta più anonima e con la posizione che risalta più all’occhio. Spesso consigliamo ai nostri clienti di scegliere un pannello con un disegno o con una grafica che funge da sfondo.

 

 

Resisterà?

Uno dei dubbi che i nostri clienti ci fanno presente è la durabilità nel tempo della carta da parati ovvero la sua capacità di conservare il suo aspetto iniziale con il passare del tempo. Per ogni tipologia di carta forniamo specifiche indicazioni sulle accortezze da mettere in campo per eliminare ogni problematica.

 

Sarà troppo estrosa?

La carta da parati optical o con una grafica molto evidente può costituire un valido aiuto per personalizzare il proprio ambiente rendendolo unico e di impatto. Noi consigliamo di tener conto della luminosità della casa  e delle dimensioni dell’ambiente.

Rispondi